Amnesty International Lazio

News

29 Novembre – Giornata Mondiale per la solidarietà con il popolo Palestinese

Il 29 Novembre del 1947, l’Assemblea Generale delle Nazione Unite ha adottato la risoluzione sulla spartizione della Palestina—è per questo motivo che il 29 Novembre viene celebrata la Giornata Mondiale per la solidarietà con il popolo Palestinese.

La data del 29 novembre è stata scelta a causa del suo significato per il popolo palestinese. In quel giorno, nel 1947, l’Assemblea Generale ha adottato la risoluzione 181, che è conosciuta come la risoluzione di spartizione. Tale risoluzione prevedeva la creazione in Palestina di uno “Stato ebraico” e uno “Stato arabo”, con Gerusalemme come capitale sotto un regime internazionale speciale.

Il popolo palestinese, che conta ora con più di otto milioni di persone, vive prevalentemente nel territorio palestinese occupato da Israele dal 1967.

Nella sede delle Nazioni Unite a New York, il Comitato per l’esercizio dei diritti inalienabili del popolo palestinese ogni anno tiene una riunione speciale per osservare la Giornata Internazionale di Solidarietà. Intervengono il Segretario Generale, il Presidente dell’Assemblea Generale, il Presidente del Consiglio di Sicurezza, e dei rappresentanti delle competenti organismi delle Nazioni Unite, organizzazionii intergovernative e Palestina. Un messaggio dal Presidente del Comitato Esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina e il presidente dell’Autorità palestinese viene anche letta nel corso della riunione. Le organizzazioni della società civile (OSC) sono invitate anche a partecipare nella reunione.

La Giornata Internazionale di Solidarietà è una occasione per la comunità internazionale di concentrare la sua attenzione sul fatto che la questione della Palestina è rimasta irrisolta e che i diritti inalienabili del popolo palestinese non vengono rispettati—ad esempio, il diritto all’autodeterminazione senza interferenze esterne, il diritto all’indipendenza nazionale e alla sovranità, e il diritto di tornare alle loro case e proprietà da cui sono stati sfollati.

*Fonte: sito delle Nazioni Unite.

 

Tagged , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prossimi eventi

Non ci sono eventi imminenti.

Il tuo 5x1000 ad Amnesty International

5×1000 per Amnesty International

Facebook di Amnesty Lazio

Social Network

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi