Amnesty International Lazio

EDU

EDU AL LICEO PERTINI DI LADISPOLI

Il gruppo240 (Civitavecchia) di Amnesty International ci racconta le ultime esperienze di Educazione ai Diritti Umani al Liceo “S.Petrini” di Ladispoli.

Il 13 gennaio abbiamo partecipato all’Open Day del Liceo Pertini di Ladispoli tenendo una lezione di circa un’ora nell’aula magna della sede centrale del liceo. I partecipanti sono stati all’incirca una trentina, tra i quali c’erano sia studenti del liceo, sia studenti più piccoli in visita in occasione dell’open day. Erano inoltre presenti alcuni genitori e professori del liceo.

Qual è stato il tema che avete trattato?

Il contenuto della conferenza ha riguardato la nascita di Amnesty, la storia e i principi ispiranti, la natura e l’efficacia delle azioni urgenti e le attività seguite  dal gruppo 240, con riferimento ad alcuni casi particolarmente rilevanti per il gruppo (Raif Badawi e Keywan Karimi). La partecipazione è apparsa attenta e partecipe, con alcune domande sulla prassi delle azioni di Amnesty e sulle condizioni di Raif e Keywan. Prima di concludere si è passati alla proiezione del video “Look Beyond Borders”.

Qual è stato l’esito dell’incontro?

Dopo la presentazione, alcuni genitori e professori hanno firmato le petizioni portate dal gruppo relative ad alcuni casi citati nella conferenza. Diversi studenti hanno chiesto informazioni sulla possibilità di entrare nel gruppo, tanto da spingerci a riflettere sulla possibilità di creare una sorta di arteria del gruppo all’interno della scuola.

Dopo questo incontro, avete organizzato altri incontri nello stesso Liceo?

Sì, il 18 e il 20 gennaio abbiamo partecipato alla settimana di cogestione organizzata dagli studenti del liceo. Su invito degli studenti, il gruppo Italia 240 di Amnesty International è intervenuto con due lezioni della durata di due ore ciascuna: il 18 gennaio presso la sede centrale (liceo classico e scientifico) ed il 20 gennaio presso la succursale della scuola (liceo linguistico). Hanno partecipato una ventina di studenti per ogni lezione.

Raccontateci come si sono sviluppati gli incontri.

Nella parte introduttiva dell’incontro abbiamo parlato di Amnesty International, della sua storia, dei suoi principi fondanti (la DUDU e le convenzioni internazionali sui diritti umani) e del lavoro svolto a favore dei diritti umani nel mondo. Successivamente abbiamo esposto le varie azioni e campagne che si sono succedute nel tempo sul tema “migranti e rifugiati”: da SOS Europe all’ultima campagna I Welcome. Con l’ausilio di fotografie, grafici e didascalie (tramite un power point) si è potuto fare un confronto tra le migrazioni odierne e quelle del passato, visualizzare la situazione dei rifugiati nel mondo, constatare quali sono le vere emergenze e quali le risposte che vengono date dai vari governi e quali quelle possibili. Si è cercato di fare emergere il problema dei pregiudizi e delle false informazioni in merito, con l’invito rivolto ai ragazzi di seguire le iniziative di Amnesty sul sito nazionale e sulle pagine del gruppo 240.

Quali strumenti didattici avete utilizzato?

Oltre il power point, la proiezione di due video di Amnesty International, “The power of the word” e “When you don’t exist”, che ci ha permesso di stimolare un dibattito sull’efficacia delle azioni di amnesty e sulla possibilità di immaginare una situazione nord-sud del mondo completamente invertita, in un intento chiaramente provocatorio. Complessivamente l’attenzione agli argomenti proposti è stata positiva, i ragazzi e le ragazze hanno mostrato interesse e sono intervenuti con domande anche durante l’esposizione iniziale. Abbiamo avuto un po’ più di difficoltà nella lezione tenutasi al liceo linguistico, poiché per un disguido organizzativo, parte della classe è dovuta uscire dopo la prima ora e sono entrati altri alunni all’inizio della seconda. Si è dovuto quindi ricucire il discorso per i nuovi per rendere comprensibile l’argomento.

Propositi per il futuro?

La proposta di creare un gruppo che funga da portavoce all’interno della scuola sulle iniziative e temi amnestiani è stato favorevolmente accolto (nella sede centrale). Speriamo di avere un seguito.

 

Come contattare il vostro gruppo?

Abbiamo una pagina FB: Amnesty International – Gruppo Civitavecchia 240

La nostra mail è gr240@amnesty.it e ci riuniamo ogni quindici giorni  di mercoledì alle 19 presso i locali della Chiesa Battista in via dei Bastioni 16/18 a Civitavecchia.

Civitavecchia_

Tagged , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Prossimi eventi

Non ci sono eventi imminenti.

Il tuo 5x1000 ad Amnesty International

5×1000 per Amnesty International

Facebook di Amnesty Lazio

Social Network

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi